lunedì 20 novembre 2017

giovedì 20 ottobre 2016

Go. Smile. Live.


I took this photo some days ago, on a plane. It is a sunset on Italy, that spot in the sky is the Moon.

Years ago I couldn't take a step outside the door because of panic attacks and my heart condition, now I fly alone and I love it. I started creating because I was forced at home and I used to read books about travels that made me dream one day I would have travelled around the world. Now I can say it: I'm not afraid anymore.
Don't let a disease pull you down and steal your joy.
Don't let fear stop you.




"L'atlante è aperto a metà. Su una pagina c'è la mappa politica delle tre Americhe, sull'altra sono riportati i dati statistici e le bandierine di ogni paese. Il problema di Tim sembra riguardare gli stati dell'America Centrale, che sono stampati troppo in piccolo perché lui possa leggerne bene i nomi. Io cerco di aiutarlo e Kyu mi traduce le sue domande. Ma all'improvviso vengo distratto da un pensiero, e non riesco più a capire le parole di Kyu, non riesco più a sentire quelle di Tim. Con un dito comincio a seguire i contorni della costa dell'Oceano Pacifico, dell'Alaska, giù giù fino al Cile e a quella macchiolina mezza verde e mezza rosa che dovrebbe rappresentare la Terra del Fuoco. M'immagino sulla Vespa tra le distese di ghiaccio e gli eschimesi, tra le foreste del Canada e le praterie degli Stati Uniti, tra le piramidi del Messico... Giù, giù il Canale di Panama, la Colombia. M'immagino scalare le marce e arrampicarmi sulle Andre, attraversare i deserti della costa peruviana; poi ancora giù, fino a Santiago e allo Stretto di Magellano, fino a quella macchiolina di due colori... Stringo forte le palpebre, ho la pelle d'oca sulle braccia e mi sento attraversare da un brivido che avevo imparato a conoscere."

Giorgio Bettinelli - In Vespa

martedì 18 ottobre 2016

Recipe of the day



Ingredients: polymer clay, crystals, metal beads, time, patience and passion.

Mix them together with love :)

venerdì 16 settembre 2016

Art Nouveau inspired



[Eng. Italian below]
This necklace, like many of my jewelries, is one-of-a-kind!
It is inspired by Klimt and Art Nouveau.



I made the pendant using a mix of antique pink, mauve, gold and brown polymer clay, metallic powders, gold and copper leaf, enamels and glass. 
I decorated the pendant with two different patterns on both sides and finished it with a protective varnish.
The surface has different light shades in gold, mauve and copper thanks to the shimmering powders and metallic leaves I used and that make the pendant seem antique.



Questa collana, come molti dei miei gioielli, è un pezzo unico, irriproducibile!
Ispirata da Klimt e l'Art Nouveau.




Ho creato questo ciondolo a goccia usando paste sintetiche color rosa antico, oro e malva, pigmenti metallizzati in polvere, foglia d'oro e rame, smalti, brillantini opalescenti e vetro.
Ho decorato il ciondolo con due diversi pattern su entrambi i lati e l'ho rifinito con una vernice protettiva. 
La superficie presenta sfumature nei toni dell'oro e del rame, date dai pigmenti metallici che ho spennellato sopra e dalle foglie metalliche... il risultato finale è un ciondolo unico, dall'aspetto anticato!



domenica 11 settembre 2016

#earthquakeaid - end date

Oggi si conclude la raccolta fondi in aiuto delle popolazioni colpite dal terremoto nell'Italia centrale, di cui avevo parlato nel mio post precedente.

Nel mio piccolo, ho cercato di contribuire con qualche acquisto, di cui sono contentissima per la bellezza e l'ottima qualità dei prodotti. Ed eccoli qui!

Espadrillas di pizzo, cucite da Daniela e Alessandra di The Wool Cottage
Perfettamente rifinite e comodissime! Come ho fatto fino ad ora senza? Spero che le belle giornate di sole continuino per un po' per non smettere di indossarle.




T-shirt con le fasi lunari, dipinta a mano da Elanthia
Il colore della luna è un bellissimo e luminoso argento. Vista la mia passione per l'Universo, non potevo farmela scappare!


E per finire, un timbrino "Thank you" da Kit Cut Studio con cui so già che creerò tonnellate di tag e bigliettini!


Grazie a Handmade Italia e a tutti coloro che hanno donato e comprato!

sabato 27 agosto 2016

ITALY EARTHQUAKE AID


[Eng] Go shopping for charity and show your love!!
Italian crafters, makers and young artisans are selling their products to help the victims of the earthquake of August 24th 2016 in Umbria, Lazio and Marche.
Visit the Team's shop to choose among products dedicated to this fundraiser. The proceeds will go to the charities working on the ground and to local authorities.


[Ita] Acquista dall'Etsy Italia Team e aiutaci ad aiutare!
Crafter, makers e giovani artigiani italiani hanno messo in vendita alcuni loro prodotti per aiutare le vittime del terremoto del 24 Agosto 2016 in Umbria, Lazio e Marche.
Visita lo shop del Team per scegliere tra moltissimi prodotti dedicati a questa raccolta fondi. I proventi andranno alle organizzazioni no profit che stanno lavorando sul territorio e ai comuni colpiti del sisma.



More information on Etsy Italia Team blog.
Look for the hashtags: #aiutiterremoto #earthquakeaid on Etsy and Instagram.


Please, support and share! Per favore, dai il tuo supporto e condividi l'iniziativa!


I will donate the entire proceeds of these mirrors, shipping excluded, to the Italian Red Cross - Croce Rossa Italiana, operating in the area.


Anche io ho deciso di partecipare a questa bella iniziativa e donerò il ricavato dei miei specchietti, spedizioni escluse, alla Croce Rossa Italiana che sta operando sui territori colpiti.



With an apparently insignificant gesture we can be close to our compatriots in these days of hardship and pain. Let's gather around them in a virtual hug, making ourselves useful in some way and not leaving them alone.


Con un piccolo gesto, apparentemente insignificante, si può essere vicini ai nostri connazionali in questi giorni di difficoltà e dolore. Uniamoci in un abbraccio virtuale, facendoci utili in qualche modo, per non lasciarli soli.

Thank you ♡ Grazie!

sabato 30 luglio 2016

Blue and bronze


I made these earrings using blue polymer clay and shimmering powders in the shades of bronze, copper and brown.
I decorated them on both sides using a texture with spirals.
Two beautiful crystal give a touch of light.
These earrings are one-of-a-kind since entirely handmade.


Ho creato questi orecchini usando paste sintetiche blu e pigmenti di diverse sfumature: bronzo, rame e marrone che donano lucentezza.
Due cristalli sfaccettati donano un tocco di luce.
Ogni orecchino è un pezzo unico perché fatto interamente a mano.

mercoledì 29 giugno 2016

Remember when we used to write letters by hand?


[English - Italian below]

Today I’d like to tell a part of me just few people know and that I kept hidden like a treasure to protect from others.
When I was younger, more or less from 12 to 18-year-old, before the Internet changed everything, I used to have a lot of penpals and I’ve spent so many hours reading letters from everywhere.
I started writing letters by chance, motivated by my desire to improve English and by my curiosity about other people’s culture, so far from the little village in Northern Italy where I live.
I wanted to know so many things! Information about their traditions, their religion and language, what they were studying at school, what kind of music they loved and who were their idols… and I found out a beautiful world!
Someone sent me his/her photo and all of a sudden a name, which I often didn’t know how to pronounce, it turned out to be a nice and friendly face. I received postcards from far cities I didn’t know existed, simple presents such as greeting cards or chewing gums that for me were extremely precious because they arrived from the other side of the planet just for me… song lyrics in languages I couldn’t read, but full of rhymes and words similar to Italian. I lost hours observing the stamps, each different from another, and I traveled in someone else’s stories from United States of America to Japan, passing through Portugal, Spain, Morocco, United Kingdom, France, Switzerland, Italy of course, Slovenia, Germany, Netherland, Norway, Sweden, Hungary and Turkey.
Year by year some of these names have become special people, friends!
Two of them have been to my house and they will always have a place in my heart.
I am sorry that today’s generation will never know what it means to find the mailbox full of letters with stories and love from around the world.
If only the kids today would dedicate some of their time to this kind of hobby or something similar, they could experience curiosity instead of prejudice and they would grow with a longing for knowledge about what is far and different from their little reality. They would know that we are all part of the same big world.
A stranger is a friend you haven’t met yet!




Oggi voglio raccontare una parte di me che in pochi conoscono e che fino ad ora ho tenuto nascosta come un tesoro da proteggere.
Da ragazzina, più o meno dalla seconda media fino all’ultimo anno di superiori, prima che Internet cambiasse tutto, avevo tanti amici di penna e passavo ore a leggere lettere da ogni parte del mondo. Avevo iniziato per caso, spinta dal voler imparare meglio l’inglese e dalla curiosità di conoscere altre ragazze e ragazzi della mia età che vivevano in posti così lontani dal mio paesino del nord Italia. Volevo informazioni sulle loro tradizioni, sulla loro religione e lingua, su cosa studiassero a scuola, su quale musica ascoltassero e quali fossero i loro idoli... e ho scoperto un mondo bellissimo!
C’era chi mi inviava le sue fotografie ed ecco che un nome, spesso per me impronunciabile, diventava un volto. Ricevevo cartoline di città lontane che nemmeno sapevo esistessero, semplici regali di compleanno come bigliettini o gomme da masticare che ai miei occhi erano preziosissimi perché arrivati dall’altra parte del pianeta apposta per me... testi di canzoni in lingue che non sapevo leggere, ma in cui ricercavo rime e parole simili all’italiano. Mi perdevo a osservare i francobolli, tutti diversi, e ho viaggiato nei racconti degli altri andando dagli Stati Uniti d’America fino in Giappone, passando per Portogallo, Spagna, Marocco, Regno Unito, Francia, Svizzera, Italia ovviamente, Slovenia, Germania, Olanda, Norvegia, Svezia, Ungheria e Turchia.
Negli anni alcuni di quei nomi sono diventati persone speciali, amici!
Due di loro sono state anche a casa mia e saranno per sempre nel mio cuore.
Mi dispiace che le generazioni di oggi non sapranno mai cosa significa aprire la cassetta della posta e trovare quasi ogni giorno lettere piene di storie e affetto che arrivano da qualunque posto.
Se solo gli adolescenti di oggi dedicassero un po’ del loro tempo con questo hobby o qualcosa di simile, crescerebbero con la curiosità al posto del pregiudizio e con la voglia di conoscere ciò che è lontano e diverso dalla propria piccola realtà, rendendoli certi che siamo tutti parte dello stesso grande mondo che vale la pena di scoprire.
Uno straniero è solo un amico che devi ancora conoscere!



lunedì 11 aprile 2016

Paper dreams

Ho finalmente creato una paginetta dedicata ai miei sogni di carta :)

Follow my brand new Paper Lab page on Facebook!



From when I was a child my passion has been creating cute little things.
Everything I create is thought, designed and made by me with care, love and passion.
Paper is one of my favourite materials, I like experimenting many different techniques, recycle all the materials that can be recycled and make whatever could be handmade!
Many of my works are one-of-a-kind and behind each piece there is a big work of research and experimentation. I sometimes draw my ideas on paper, but most of the time I end up having a different final piece from the original sketch. I enjoy being spontaneous and playing with different materials. That’s why it’s a great pleasure making one-of-a-kind pieces!
I take inspiration from my love for music, art, different cultures, travels, nature and all that surrounds me.
My favourite shape is the heart because I'm suffering from a rare heart disease. Creativity helps me every day to ride over it and follow my dreams.




Fin da bambina la mia passione è sempre stata quella di creare e decorare.
Tutto quello che realizzo è pensato, progettato e fatto a mano da me con grande cura e amore.
La carta è uno dei miei materiali preferiti, mi piace sperimentare diverse tecniche, riciclare il più possibile e creare tutto ciò che si può fare con le proprie mani!
Molti dei miei lavori sono pezzi unici, irripetibili, e dietro ogni oggetto ci sono tante ore di lavoro ed esperimenti.
A volte progetto le mie creazioni a partire da schizzi e annotazioni delle mie idee, ma il risultato finale risulta spesso completamente diverso dall'idea iniziale... ecco perché è un vero piacere realizzare pezzi unici!
Prendo ispirazione da tutto ciò che mi circonda, dalla musica che ascolto, dalla natura, dai miei viaggi e dal mio interesse per le diverse culture.
Siccome soffro di una rara malattia cardiaca, la mia forma preferita è il cuore, per me simbolo di energia e vita.
La creatività mi aiuta tutti i giorni a superare le mie difficoltà e a seguire i miei sogni.


lunedì 26 ottobre 2015

Leaves: a love story.



[ITA] Questa ero io da bambina, con il mio albero preferito: un bellissimo liquidambar che d'autunno si tinge di meravigliosi colori.
Ho sempre amato la natura, le foglie e i fiori e non ho mai smesso di rimanere incantata di fronte alla maestosità delle chiome degli alberi. Fin da bambina, dopo ogni passeggiata autunnale, mia madre doveva svuotarmi le tasche dalle foglie, castagne, lumache e sassi che raccoglievo e che volevo tenere come piccolo tesoro nella mia cameretta. Ancora oggi mi capita di ritrovare foglie e fiori secchi in mezzo a libri e agende, messi lì da una me più piccola, che sperava di tenerli con sé per sempre.
Complici di questa passione sono stati l'aver sempre vissuto in un paesino di campagna e aver passato gran parte della mia infanzia con la nonna, che non a caso si chiama Flora. D'estate mi occupava le giornate con l'annaffiatoio e tanti racconti sulle piante e i fiori con cui riempiva la sua casa, mi permetteva di camminare scalza nella terra del suo orto, insieme piantavamo i semi, controllavamo di giorno in giorno quante foglie in più erano spuntate dalle nostre piantine e ne raccoglievamo i frutti.
Uno dei miei piccoli-grandi sogni è quello di avere, un giorno, un pezzettino di terra in cui piantare i miei alberi preferiti e di avere abbastanza tempo per stare a guardare le foglie cadere.




[ENG] This is me, when I was a child, with my favourite tree: a beautiful liquidambar that turns into wonderful colors in autumn. I have always loved nature, leaves and flowers and I am still enchanted by the majesty of the foliage. When I was a child, after each autumnal walk, my mother had to empty my pockets from all the leaves, chestnuts, snails and stones I wanted to bring home and save in my room as a treasure. I sometimes find dried leaves and flowers in books and diaries, put there by a younger me, who wished to take them with her forever.
This passion was born because I have lived my entire life in a country village and especially because I spent most of my childhood with my grandmother - it's not by chance that her name is Flora.
During the summer, we used to spend our days watering her plants and flowers, which filled her house, she told me stories about them, she let me walk barefoot on the soil of her vegetable garden, we planted seeds together, everyday we counted the new leaves on our plants and we picked up the fruits.
One of my little-big dream is to have, one day, a garden, where I can plant my favourite trees, and to have time to watch the leaves fall down.



Nel frattempo, metto le mani in pasta e cerco di imitare la bellezza della Natura!




In the meanwhile, I take my clays and I try to reproduce the beauty of Nature!






That way look, my Infant, lo!
What a pretty baby-show!
See the kitten on the wall,
sporting with the leaves that fall,
withered leaves---one---two---and three
from the lofty elder-tree!
Through the calm and frosty air
of this morning bright and fair,
eddying round and round they sink
softly, slowly: one might think,
from the motions that are made,
every little leaf conveyed
Sylph or Faery hither tending,
to this lower world descending,
each invisible and mute,
in his wavering parachute.

(...)

William Wordsworth - The kitten and falling leaves




giovedì 1 ottobre 2015

Soon...

...a little preview of the Autumn collection!
Novità in arrivo :)


martedì 14 luglio 2015

New Horizons

Pluto. Photo credit: NASA
[ENG. -Italian below-]
A few hours ago, New Horizons spacecraft reached the closest approach to Pluto and Charon and it is now traveling beyond the boundaries of the Solar System.
In 1998, my dad gave me a book about stars and planets and there weren’t any images of Neptune, Uranus and Pluto in it. Now we can follow a space mission directly from our computers and phones… today Pluto isn’t a small dot pointed by an arrow anymore!

In the infinitely large, we can cover such enormous distances that are impossible to imagine.
In the Infinitely small, we can read the DNA and find mutations in minuscule pieces of genes, we can collide protons and get quarks and we discovered many other things that most of us can’t even understand (me first).

Humanity could be fantastic. We could be legendary.

Yet, instead of raising our eyes to the sky and be amazed every second, we fill our planet of hatred, war, violence and poison. We kill each other to call a “god” in different ways, we are divided by the language we speak or by the color of our skin. Instead of being curious and loving the pleasure of discovery and knowledge, we close books and turn our brain off.
We live in a wonderful universe, but the goal in our life is making money, have things, we oppress others to get it and we build walls that separate us.


I don’t understand. 


[ITA]
Poco fa la sonda New Horizons ha superato il punto di massima vicinanza con Plutone e Caronte. Ora sta viaggiando oltre i confini del Sistema Solare. Nel mio primo libro di astronomia, “Guida alle stelle e ai pianeti”, datato 1998, non c’era nemmeno un’immagine di Nettuno, Urano e Plutone. Ora possiamo averne in diretta (o quasi), seguendo una missione spaziale direttamente dai nostri computer o telefoni.

Nell’infinitamente grande, siamo in grado di coprire distanze talmente enormi che sono impossibili da immaginare.
Nell’infinitamente piccolo, siamo in grado di leggere il DNA e scovare mutazioni in pezzetti di geni, sappiamo dividere i protoni in quark e abbiamo scoperto tante di quelle cose che la maggior parte di noi nemmeno può capire (io per prima).

Cacchio. L’umanità potrebbe essere fantastica. Potremmo essere leggendari.

Eppure, invece di alzare gli occhi al cielo e continuare a meravigliarci ogni secondo, riempiamo il nostro pianeta di odio, guerre, violenza, veleno. Ci uccidiamo per chiamare un “dio” in modi diversi, ci dividiamo per la lingua che parliamo e per il colore della nostra pelle. Invece di essere curiosi e amare il piacere della scoperta e della conoscenza, chiudiamo i libri e spegnamo il cervello.
Viviamo in un universo meraviglioso, tutto da scoprire, e il nostro obiettivo nella vita è accumulare denaro, schiacciare gli altri per ottenerlo e alzare muri che ci separano.

Non capisco.

martedì 12 maggio 2015

Optical Hexagons Moleskine


The legendary notebook used for the past two centuries by great artists and thinkers!



I draw the cover with a geometric pattern made of black and colorful hexagons, using permanent ink and pastels.





mercoledì 6 maggio 2015

Collane colletto

C'è una sindrome che colpisce gli appassionati di handmade, si chiama "Shopping Compulsivo di Materiali". Si compra tutto ciò che è bello, anche se non si sa come utilizzarlo, l'importante è averlo con sè attendendo "l'ispirazione".
Dopo 5 anni, so finalmente come utilizzare i meravigliosi nastri ombré di cui avevo fatto scorta preventiva: ecco i primi esperimenti.
Collane intrecciate a colletto prossimamente su questi schermi!


martedì 21 aprile 2015

I love books


"I love that moment when you open one and sink into it, you can escape from the world into a story that's way more interesting than yours will ever be."
Elizabeth Scott

martedì 20 gennaio 2015

Black, white & silver

https://www.etsy.com/shop/VeraCreations

Per la serie: il mio tempismo perfetto. 

Creo una murrina due anni fa e dopo qualche mese ne faccio delle perline a disco.

Natale 2013: mi viene l'idea di riciclare della carta provando una tecnica di cui avevo letto anni prima e così nasce il ciondolo centrale. 

Dopo qualche mese: "Stanno bene questi pezzi insieme, facciamone una collana!"

In estate vedo finalmente una bella luce che entra dalla finestra e così mi decido a scattare le foto.

Settembre 2014 - Novembre 2014: photo editing un po' alla volta, di notte, mezza addormentata, prima di andare a letto.

Dicembre 2014: preparo l'inserzione su Etsy e la salvo come bozza.

Natale 2014: mercatino. "Ma sì, portiamo anche questa".

Venduta.
-_-

Gennaio 2015: foto pronte, inserzione pronta, post pronti... manca la collana, che non posso nemmeno riprodurre perché è chiaramente un pezzo unico, impossibile da ricreare uguale.

La prossima volta vado a letto prima.
Ora beccatevele lo stesso!









 Polymer clay, silver leaf, paper, enamels and beads.





  

 







Paste polimeriche, foglia d'argento, carta, smalti e perline.



https://www.etsy.com/shop/VeraCreations

https://www.etsy.com/shop/VeraCreations